Su “Il Tirreno” del 21 gennaio 2017 è apparso un articolo dal titolo “La democrazia e i suoi nemici”  a firma Alessandro Farulli, un resoconto sulla presentazione del volume “Lezioni sulla democrazia” al quale hanno partcipato Enrico Mannari (Direttore scientifico della Fondazione Memorie Cooperative), Michele Sorice (Docente all LUISS) e Luigi Vicinanza (Direttore de “Il Tirreno”)

iltirreno

LIVORNO. «È il tecnopopulismo il vero assassino della democrazia». Con un neologismo di notevole efficacia Michele Sorice, docente della Luiss, chiude al meglio il secondo e affollatissimo appuntamento speciale organizzato dal Tirreno.

Ieri in Viale Alfieri il direttore Luigi Vicinanza ha presentato il libro curato da Enrico Mannari, “Lezioni di democrazia”, dibattendo proprio sul complesso rapporto fra la democrazia stessa e i media. Con lui Mannari e Michele Sorice appunto. Il libro, pubblicato da Bruno Mondadori, vede i contributi di Marco Almagisti, Emiliana De Blasio, Donatella Della Porta, Leonardo Molrlino, Giovanni Moro, Giulia Oskian, Michele Sorice, Nadia Urbinati. Dieci lezioni che si sono tenute alla Luiss e dalle quali la democrazia ne è uscita come «un accidente della storia», come ha spiegato sempre Sorice. «Nella storia dell’umanità – ha aggiunto – quello democratico è uno spazio residuale».

E come sta la democrazia oggi? «Il democratico voto popolare – ha detto in apertura il direttore del Tirreno – è proprio quello che sta mettendo in discussione le nostre democrazie. Basti pensare a quello che succede in Ungheria, negli Usa con Trump e a quello che potrebbe accadere in Francia con il Fronte Nazionale in odore di conquista dell’Eliseo».

«Di fronte a questi climi cupi che caratterizzano molti aspetti dei Paesi mondiali – ha detto Mannari – servono lampi di luce, possibili a mio parere attraverso anche dibattiti seri e non partigiani come possiamo fare in questa occasione».

E sul banco degli imputati, a differenza di quello che qualcuno avrebbe potuto pensare, non sono andati i media, pur essendo emersi anche i loro limiti durante il dibattito, ma «l’ideologia dell’efficienza», altro argomento introdotto sempre dal professor Sorice: «Si dice genericamente che le ideologie del Novecento siano scomparse – è il suo punto di vista – ma ce ne è una che è sopravvissuta e impera: quella del mercato e del neoliberismo. Le democrazie oggi si vorrebbero efficienti come i mercati, il populismo oggi chiede efficienza, ovvero tempi brevissimi tra ipotesi e progetti realizzati. Il populismo anche di governo vorrebbe questo. Ma così avremo regimi efficienti, vedi la Corea del Nord, che nulla hanno però di democratico». 

«La democrazia è fragile, ha tempi lunghi, ma non si abbatte facilmente. Per questo – ha spiegato – va difesa, soprattutto dal tecnopopulismo (ovvero il populismo che va a braccetto con l’efficentismo) il vero assassino della democrazia».

Ti piace questo post?

Agenda

luglio 2020

luglio: 2020
L M M G V S D
« giu    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

Facebook

Multimedia

continua

Formazione

continua

Progetti

dep-tagliato

Tesori di famiglia II edizione

“E’ una memoria di poco conto quella che lavora solo per il passato”. Con queste parole, che Lewis Carrol fa pronunciare alla Regina nel suo “Alice nel paese delle meravglie”, si apre la seconda edizione di Tesori di famiglia, il nostro corso per la conservazione e la divulgazione per le fonti documentarie nelle nostre soffitte. …

banner

Tesori di famiglia

Dal gennaio 2018 prenderanno il via i 4 incontri del progetto “Tesori di famiglia”, promossi dalla Sezione soci Est Maremma, in collaborazione con l’Archivio Storico. Questo ciclo di incontri si propone di insegnare ai partecipanti i metodi più idonei per conservare, salvare e raccontare i documenti storici (foto video, lettere, registri, ritagli, diari, manifesti ecc), …

banner-coop-al-femminile

Coop al femminile

Con l’uscita del volume edito da Bruno Mondadori “La coop di un altro genere. Lavoro, linguaggi e ruoli al femminile da ‘La Proletaria’ a ‘Unicoop Tirreno’ (1945-2000)” curato da Enrico Mannari, la Fondazione Memorie Cooperative, che ha promosso questa ricerca, ha deciso di aprire uno spazio per proseguire la discussione. In effetti questo libro voleva essere …

banner-default-2

Lezioni sulla democrazia

La Fondazione Memorie Cooperative ha organizzato un ciclo di lezioni pubbliche sul tema della metamorfosi della democrazia. L’obiettivo che si pone la Fondazione è quello di fornire uno spazio di riflessione sui diversi nodi critici della democrazia rappresentativa, invitando a discutere e ad analizzare il tema storici, giornalisti ed esperti del settore. Parteciperanno infatti al ciclo …

La parola del momento

#democrazia.