Presentazione del libro “La classe” di Enrico Parsi

25 ottobre 2017 pubblicato in La fondazione segnala

invito-la-classe

Venerdi 27 ottobre alle ore 15 e 30 a Livorno, presso la sala conderenze in Piazza Vigo 1 (Ambito Territoriale Provinciale Uff VIII di Livorno, Provveditorato) l’autore del libro “La classe. Ripensare la crisi ripensando le organizzazioni” (Guerini e Associati) Enrico Parsi dialogherà con il publico.

All’evento, promosso da Sapere Coop, Settembre Pedagogico e Unicoop Tirreno, parteciperanno:

Dott.ssa Anna Pezzati, Dirigente Ambito Territoriale Provinciale Uff VIII di Livorno

Stella Sorgente, Vicesindaco Comune di Livorno

Fiorella Chiappi, Presidente Istituto Co. Ri. Comunicazione e Ricerche

Lamberto Gianni, Pedagogista e insegnante

Coordina Enrico Mannari, docente della School of Government Luiss.

Enrico Parsi è Direttore di Scuola Coop, Istituto Nazionale delle Cooperative di Consumatori, si occupa soprattutto di temi organizzativi: apprendimento, linguaggio, cultura della cooperazione, contesti sociali e comportamenti delle persone.

9788862506595_0_0_300_75Dalla quarta di copertina del libro:

“Fare naufragio non è ineluttabile. Se la rotta è sbagliata si può invertirla. Si possono anche immaginare rotte diverse e nuovi mezzi di trasporto. Oppure si può scendere, eplorare  la terra sconosciuta in cui siamo arenati e inventare nuovi modi per abitarla.

La crisi non è un dato di natura. Non è capitata per caso. Non è un’onda anomala. E’ una crisi delle nostre relazioni. Per questo reagire significa anche osservare meglio i luoghi della nostra vita, le organizzazioni in cui abitiamo e viviamo, per capire se e come aumentano il disagio e i pessimi risultati economici che scnvolgono l’esistenza di molti, ma non di tutti. Significa anche rimettere mano ai contesti del lavoro, tra cui la scuola,  potenti luoghi di socialità e apprendimento per tutti noi, grandi e piccoli. Ecco perché la classe: perché la disposizione di un’aula scolastica somiglia a un’organigramma e oggi abbiamo troppa azienda e troppo mercato nelle nostre vite e nelle nostre scuole. Perché avere classe significa considerare che le forme dello stare insieme non sono altra cosa che la qualità della nostra esistenza e poi  anche perchè se c’è chi afferma che le classi sociali non esistono più, esistono eccome le differenze soiali, e non solo a cusa della cattiva distribuzione della ricchezza. […]

Ti piace questo post?

Potrebbero interessarti

Agenda

novembre 2017

novembre: 2017
L M M G V S D
« ott    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

Facebook

La parola del momento

#democrazia.