La “Coppona”

La storia del primo centro commerciale integrato de La Proletaria: la Rosa, Livorno

7 ottobre 2015 pubblicato in Photogallery

La storia della “Coppona”, il primo centro commerciale integrato de La Proletaria nel quartiere popolare della Rosa a Livorno, inizia il 5 maggio del 1977, giorno dell’inaugurazione. Poco più di un anno prima era stato concesso il diritto di superficie su un appezzamento di terreno per la costruzione di un mercato coperto nel quartiere di case popolari La Rosa, progettata nel 1958 dal famoso architetto Luigi Moretti (insieme a Barucci, Bellucci e Fagnoni). Il quartiere dove fu inaugurato il nuovo negozio si distingueva per la presenza di aree verdi, per distribuzione degli spazi, l’armonia tra gli edifici e la gradevolezza delle case.

Attorno al negozio, soprannominato dai livornesi la “Coppona”, furono aperte una sede della Circoscrizione, una Banca, la Posta e altre strutture di servizio compresa la creazione da parte di Coop della creazione di un “parco” per bambini presso la Scuola primaria Lambruschini. Il punto vendita della Rosa rappresenta il primo esempio di centro commerciale integrato de La Proletaria, con l’apertura al suo interno di alcuni negozi di privati (calzature, bar, gioielleria, erboristeria).

Sin da subito il negozo ebbe un enorme successo tra i soci e i clienti di Livorno, tanto da dover ampliare l’organico dei dipendenti, con l’apporto di altri lavoratori da Roma, da Cecina, da Civitavecchia.

La “Coppona” è da quasi 40 anno un esempio di compenetrazione tra territorio, esigenze commerciali e valori  cooperativi.

 

Ti piace questo post?

Potrebbero interessarti

Agenda

luglio 2019

luglio: 2019
L M M G V S D
« mag    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  

Facebook

La parola del momento

#democrazia.